Appunti di viaggio, Pensieri, Persone

L’immigrazione vista al contrario e i racconti di una hippie

L’immigrazione vista al contrario e i racconti di una hippie

E così dopo quasi due mesi di Mozambico mi trovo costretto a richiedere il terzo visto. Incredibile! Tre visti per rimanere novanta giorni sul territorio Mozambicano.

Dopo l’ennesimo rifiuto degli uffici dell’immigrazione a rinnovarmi il visto (avrei diritto a 2 rinnovi, quindi almeno 90 gg totali!), mi ritrovo nuovamente costretto a partire, questa volta sono 11 ore di chapa per arrivare a Maputo con un’altra foratura, più 5 ore su un’autobus incredibilmente comodo per uscire dal paese e arrivare a Nelspruit dove si trova la più vicina ambasciata Mozambicana in Sud Africa. Totale 16 ore….

Nel tragitto Maputo-Nelspruit seduta vicino a me c’è una signora danese con cui faccio una piacevole chiacchierata. Lei vive in Mozambico dal 2005 e in Africa dal 1980, insieme al marito ha una sua azienda mozambicana e nonostante ciò ha ancora problemi ad ottenere un visto semi-definitivo. Così anch’io le racconto le mie disavventure con i visti e finiamo per collegarci al disastro dell’immigrazione in Europa e ovviamente in Italia. La cosa che entrambi troviamo davvero triste è il fatto che gli africani del nord ormai non scappano più solamente dalle guerre o dalle difficoltà familiari o dalla povertà, ma scappano dalle loro origini, cercano quella luccicosità (chiedo aiuta all’accademia della crusca!)  e quello stile di vita che la televisione e i social ormai spacciano per vita reale: la crescita economica – mai ci fu raccontata una cazzata più grande! – la ricchezza per tutti, l’importanza del possedere!

Perché devono venire in Europa per smettere di sorridere? Perché non possono continuare a sorridere nelle loro terre? Ovviamente non si può generalizzare, perché le storie sono personali e sono diverse nelle loro origini e nei loro sviluppi. Quando scappi dalle bombe, dalle persecuzioni religiose o dalla povertà estrema che significa morire di fame…non credo ci sia bisogno di commentare. Hanno semplicemente bisogno di andare via.                 Ma ci sarebbe troppo da dire sull’argomento, e come sempre sarà la storia a dirci chi aveva ragione!

Ma parlando di gente che parte e se ne va, lei va avanti nel raccontarmi la sua storia e di quando negli anni ’70 comprò uno scuolabus adattandolo a casa viaggiante e guidò dalla Danimarca fino in India attraverso l’antica via della seta con i figli e il marito, anche lui professore come la moglie. Home schooling sul bus per i figli e una grandissima avventura di parecchi anni in giro per l’Asia prima di tuffarsi in Africa e restarci: “Morirei se dovessi tornare in Europa e vivere in quel modo frenetico. Per avere cosa poi?” Poi continua:”Non riuscirei più a rapportami con chi ci ha preso per pazzi, con chi non ha mai creduto che provare qualcosa di diverso possa renderti più forte e con una mentalità più aperta. E’ stata un’esperienza incredibile”.

Più tardi con la signora e il marito condividiamo il taxi verso l’ambasciata, e poi ci salutiamo convinti di rivederci domani per il ritiro del visto. Altrimenti, piacere di avervi incontrato sulla mia strada!

Be Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *